sabato, gennaio 05, 2008

Sei connesso?

E' un uggioso sabato mattina, il primo di questo nuovo anno. La voce che mi chiama è quella di mio padre, che adoro. Solo che non adoro la sua voce specie quando la mattina mi sveglia per andare a lavoro, più fastidiosa di una cartella esattoriale. Si perchè sai, non sono cresciuto ancora e quindi non riesco a svegliarmi da solo in orari decenti; è uno dei miei limiti, ci lavorerò.

Se non ho voglia di alzarmi, immagina la voglia che ho di mettermi in macchina per andare a lavoro. Zero. Tanto la mente è offuscata dal sonno che arrivo in ufficio senza rendermene conto, prendo posto alla mia scrivania, il mio PC. Interrotto da qualche telefonata di clienti, mi metto a scrivere.

Non so cosa, sicuramente non buoni propositi per il nuovo anno, ho smesso da un pezzo. E allora? Faccio partire i Negramaro, il cervello inizia a girare. Si, proprio i Negramaro, quelli per cui le ragazzine impazziscono, embè? Mi rendo conto che i miei amici rockettari duri e puri mi prenderebbero per i fondelli, ma credi me ne importi qualcosa? No! Tanto è vero che lunedì vado al loro concerto.

Sai, facendo un resoconto del 2007 non posso dire sia stato un buon anno, però... non so ho come l'impressione che i dolori di quest'anno siano le basi delle gioie future, e allora ne gioirò. Fino ad allora invece rimarrò sull'altalena. Un giorno triste e malinconico, un altro giorno entusiasta e propositivo.

Proprio in questo istante vorrei cancellare tutto ciò che ho scritto finora... non lo faccio. Difficilmente scriverei qualcosa di interessante, tanto vale lasciare questo. E poi, parlandoti sinceramente, a chi tocca stabilire se è interessante o no? Cioè se sto scrivendo queste cose, un motivo ce l'avrò, no? Magari al momento non mi sovviene, ma deve esserci.

Ti dico una cosa curiosa. Molti dei miei amici non riescono a vedermi da solo. E fondamentalmente si dividono in due fazioni, due curve allo stadio. La Roma e la Lazio. Milan e Inter. Guelfi e Ghibellini.

Secondo gli uni io devo fare di tutto per tornare con lei, perchè lo leggono nei miei occhi, dicono. Ora vorrei capire, aiutami se puoi. Cioè cari amici miei, cosa leggete nei miei occhi? Io li guardo spesso allo specchio, visto che sono la cosa che mi piace di più di me, e non ci leggo niente, manco uno scarabocchio. Spiegatemi sta cosa.

Secondo gli altri devo cercarmi una nuova ragazza perchè "l'uomo non è fatto per stare da solo", perchè "è l'unico modo per dimenticare". Ma cosa? Io non voglio dimenticare proprio niente.

Secondo te lo trovo qualcuno che avalla la mia scelta di voler stare da solo, almeno per ora? Non che ne abbia bisogno, intendiamoci... Perchè sai, più tempo passa e più stimo i vantaggi di essere single e sto imparando a bastarmi, cosa non facile peraltro.

Ora piove a dirotto e penso. Mi chiedo cosa mi darà questo 2008. Di nuovo l'amore? Non è nella lista dei desideri, ma mai dire mai. Sicuramente voglio un rapporto più intimo con Dio, soddisfazioni musicali, e tanta amicizia, che sto scoprendo essere fondamentale nella mia vita, grazie a della persone che conosco da tanto o da poco e, alla faccia di chi non crede nell'amicizia tra sessi opposti, quasi tutte ragazze. Non faccio i nomi, ma ognuno di loro sa quanto siano importanti per me.

Si sai l'amicizia mi ha dato tanto, mi ha aiutato a superare momenti davvero tristi. Perchè ci sono delle persone magiche, che con un sorriso riescono a toccarti li, dove niente sembra arrivare. E quando tutto sembra nero, arriva una mano amica che ti risolleva la testa. E vedi la luce.

Tramite la musica in questi ultimi mesi ho conosciuto parecchi amici e amiche. Gente con cui suonare, gente con cui fare progetti, gente con cui fare le cinque del mattino. Si, perchè la musica unisce più di quanto mi aspettassi. I grandi concerti, i piccoli live da 50 spettatori, dove conosci quasi tutti, musicisti compresi. Festival in cui fare il tifo per un gruppo in cui suonano amici. Tutte dimensioni della musica che ho scoperto nell'anno passato.

Dream Theater, PFM, Elio e le storie tese, Mike Stern con Dave Weckl, Steve Coleman, Valkyrje, Hot4Blues, Work in Prog, Mojo Working, Compagni di merende, Brigantini e tanti altri ma Boanerges e Supravires su tutti. Il progetto blues in via di definizione, le jam, i myspace... Emozioni, note, colori, sorrisi e lacrime.

Perchè ti dico tutto ciò? Boh, se lo sapessi te lo direi... Ma tanto sembri non sentirmi. Ci sei? Mi ascolti? Caro amico/lettore di questo inutile blog, parlo con te... sei connesso?

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Si sono online. E non pensare di essere l'unico a sentirti così

Van der Blogger ha detto...

Già, immagino di non essere il solo. Mi piacerebbe sapere chi sei caro/a anonimo/a.

Anonimo ha detto...

Connessa e tutta orecchi/roberta

Anonimo ha detto...

Sì, sono connessa e mi fa piacere leggerti. Spero la malinconia di questo sabato se ne sia andata e che il 2008 ti porti cose belle.
A presto - red_fox

EbonIvory ha detto...

Connesso e presente. Non ascoltare sempre gli altri e tra questi ci metto anche il tuo cervello. Agisci di istinto ogni tanto o se preferisci col cuore. Se lo vuoi io ci sono o sai comunque anche a chi Altro rivolgerti.

Anonimo ha detto...

Tanti auguri di buon anno!

Ho reso privato il blog, qualche mese fa, per skazzi vari. Se sei interessato ti mando l'invito, se no ignora questo commento.

Ciao,
principessafelice
http://net10biblio.splinder.com

Anonimo ha detto...

Oooh la PFM l'ho vista anch'io *_*
mitica.


L'Euge (non so se ricordi)

FulviaLeopardi ha detto...

auguri in ritardo :-)
e cmq io sto così bene da sola...almeno non piglio fregature
e la carriera canterina come va?

Van der Blogger ha detto...

Ehilà Roberta che piacere sentirti...

RedFox, sono convinto che il 2008 mi tratterà bene e la malinconia presto sarà solo un ricordo.

EbonIvory grazie dell'appoggio ;-) e anche del consiglio che terrò in considerazione...

Principessa, auguri a te. Certo che sono interessato, manda pure l'invito e verrò a trovarti presto.

Euge, certo che mi ricordo... Beh che dire sulla PFM, a me piacciono un sacco...

Fulvia auguri a te... sullo stare bene da soli, sto imparando. La carriera musicale lentissimamente sembra prendere una forma, ma molto lentamente... vedremo ;-)

Old Whig ha detto...

Sono connesso Van e so come ti senti, visto che due anni fa mi è capitata la stessa cosa. Ti mando un abbraccio. Che il Signore ti faccia sentire tutto il suo amore per noi!
A presto amico

Salo

Hadamard ha detto...

Connesso, connesso... E più o meno nelle tue stesse condizioni.

Carlotta ha detto...

Lo stato di confusione è parte costante della mia vita. La solitudine per alleggerirla la posso chiamare singiltudine..La conosco bene, ci sono abituata, da tempo, forse anni. Un paio forse. Ora pesa, ma come dici tu ci sono gli amici e io li cerco. E mi mancano..

Buon anno

Anonimo ha detto...

"aspetta aspetta nella buia notte ed apri l'uscio se qualcuno batte. Dopo la mala vien la buona sorte".
Così scriveva Capuana e così tti saluto.mi piacciono i problemi di cui discuti sul blog e tornerò a visitarti.

amaryllisa
www.thelongstjourney.splinder.com