mercoledì, ottobre 18, 2006

Io ti do Torsello e tu mi dai Rahman (così lo ammazzo)

Più o meno suona come il titolo ciò che i rapitori del fotografo hanno fatto a sepere al Governo italiano.

Rahman è cristiano dal 1990, ed è scappato in Germania per evitare che il regime talebano lo condannasse a morte. Nel 2002, alla caduta del regime era tornato in Afghanistan chiedendo l'affidamento delle figlie... Tempo dopo il suocero lo ha pubblicamente accusato di apostasia, "reato" che la Sharia punisce con la morte. A quel punto, nel marzo di quest'anno ha trovato asilo nel nostro paese, dietro trattative dell'allora capo della Farnesina, Gianfranco Fini.

Ora che il musulmano Torsello è in mano degli Afghani e che il cristiano Rahmad è in Italia dovrebbe esserla situazione migliore, ognuno in mezzo ai propri con-fedeli. Solo che Torsello è stato rapito e minacciano di ucciderlo, e pensare che per loro non è nemmeno un infedele.

Dio ci liberi dai fondamentalismi. Quello islamico per esempio che ha promesso che la mezzaluna sventolerà in tutto il mondo. La Sharia sarà la legge di tutto il mondo. Io, come tanti altri, allora ricorrerò alla infermità mentale pur di non essere messo a morte per aver scelto la mia fede.

Ovviamente mi auguro che Torsello possa essere presto liberato e tornare a Londra dalla sua famiglia e nella sua moschea, dove lui ha SCELTO LIBERAMENTE di professare la propria fede. E che Rahman rimanga in Italia a professare la fede che ha SCELTO LIBERAMENTE.

Logico che da cristiano ritengo quella cristiana la religione "giusta". Ma la cosa che mi auguro di più non è che tutto il mondo possa abbracciare la Fede in Gesù Cristo (cosa che non mi troverebbe contrariato, intendiamoci) ma almeno che ognuno possa scegliere, senza per questo rischiare la vita, in chi credere.

Solidarietà a Torsello, a Rahman e alle migliaia di cristiani perseguitati nel mondo. Specie nei paesi dove regna la Sharia o il comunismo.

Dio li benedica

2 commenti:

Monsoreau ha detto...

Mi sembra una richiesta assurda, che ci fornisce il livello cerebrale di chi l'ha formlulata.
Solidarietà ai due soggetti colpiti dalla barbarie musulmana, chissà che il nostro Torsello non torni alla religione dei Padri adesso che ha sbattuto il muso nei suoi nuovi "fratelli" ... ;-)

Van der Blogger ha detto...

A questo punto spero di no invece. Intendiamoci, può farmi piacere se ritorna a Cristo ma non lo deve fare perchè parte dei suoi "fratelli" sono criminali.

Al Capone si professava cristiano e camminava sempre col crocifisso al collo, non per questo mi sentirei di abbandonare il cristianesimo. Io credo solo in Cristo, non in chi crede in Cristo :)