martedì, marzo 20, 2007

Mastrogiacomo è libero, e l'Italia?



Finalmente ieri l'inviato di Repubblica in Afghanistan è stato liberato. Da questo blog, così come da tutto il mondo, si esprime la gioia per la sua liberazione. Siamo contenti per lui, per la sua famiglia, per la redazione di Repubblica.

Ma sono infelice per l'Italia.

Mastrogiacomo è libero. Ma l'Italia? Ho l'impressione che tanto libera non lo sia più. Non in politica internazionale. Un po' prigioniera della condotta di questo Governo, specie nella persona del responsabile degli Affari Esteri Massimo D'Alema. Ministro che tra l'altro aveva promesso di dimettersi, promessa ovviamente non mantenuta.

Innanzi tutto la stranezza, che ha mandato su tutte le furie il Ministro Parisi, è l'esclusione dalle trattative dell'esercito e dei servizi. L'unico interlocutore dei terroristi talebani è stato Gino Strada con la sua Emergency. Apparentemente niente di male, visto che il risultato della liberazione è stato ottenuto. In realtà però la situazione è preoccupante.

E' inammissibile che si sia avviata una trattativa con dei terroristi. Trattativa conclusasi con la liberazione di ben 5 prigionieri talebani contro il rilascio di Mastrogiacomo. Mentre l'unico modo è non genuflettersi alle richieste dei terroristi e organizzare un blitz come quello nell'occasione della liberazione di Stefio, Agliana e Cupertino. Tra l'altro 2 dei 5 terroristi liberati hanno già dichiarato di voler tornare subito ad imbracciare i fucili per cacciare gli "infedeli". Ora ogni morto che uno di questi 5 pazzi farà, chi lo avrà sulla coscienza?

Quindi ora questi criminali sanno una cosa: se gli serve la liberazione di qualche loro fratello, o magari un po' di soldi, o di avere più controllo su una zona del Paese, basta rapire un italiano. Tanto Baffino e Mortadella faranno pressioni per fargli ottenere quello che chiedono. Tutto quello che chiedono.

Eravamo, già prima di questa vicenda, lo zimbello di tutto il panorama politico internazionale. Adesso è stato dato il colpo di grazia alla nostra già pessima situazione.

L'Italia è prigioniera di una pessima politica estera.

Povera Italia.

34 commenti:

Walter Giannò ha detto...

Grazie per il link! Grazie!

Anonimo ha detto...

eheh grazie ma sarà difficile poi già oggi non l'ho vistoxkè sta sett abbiamo mega tane ore buche :s vabbè doma cerco di piglairlo è che nn so cosa dirgli http://orsacchiotta90.splinder.com

Walter Giannò ha detto...

Intervengo nel dire che durante il rapimento di Aldo Moro, Giulio Andreotti e company decisero di non fare intervenire lo Stato nelle trattative con le BR...

Si disse che Andreotti fu machiavellico...

Moro fu lasciato morire....ed ora si tratta con i talebani, che hanno adesso lo spunto per fare altri rapimenti mediatici e fruttiferi simili...

E poi in Afghanistan c'è la guerra (dimostrato dal ferimento dell'italiano): il governo la nasconde perché teme problemi con la sua maggioranza...

Ma l'offensiva è vicina...

Lì non si sta lottando solo per gli Afgani, ma molti si sono dimenticati il motivo scatenante del perché siamo lì anche noi...

Captain's Charisma ha detto...

Mi trovi perfettamente d'accordo, credo proprio che sia inammissibile che per liberare un nostro concittadino si sia dovuto rimettere in circolazione ben 5 terroristi...davvero imbarazzante...

FulviaLeopardi ha detto...

meglio 5 terroristi liberi o i soldi che ha pagato il governo precedente? no perché tra tutti io non saprei cosa scegliere...

Van der Blogger ha detto...

Walter, di nulla... per l'Afghanistan , lo sanno tutti che ci saranno attacchi militari contro i taliban. Solo che a dirlo, questa maggioranza non ci pensa nemmeno...

Orsacchiotta90, ho faticato per capire il significato del tuo commento =) ... era una risposta al mio commento sul tuo post. Forse è meglio commentare qua i miei post e sul tuo i tuoi, sennò rischio di fare una gran confusione, ok? Non te la prendere, ok? Grazie...

Capitano, che aggiungere? D'accordissimo....

Van der Blogger ha detto...

Fulvia, 5 terroristi rimessi in libertà c'è il rischio che uccidano decine di persone la cui vita ha lo stesso valore di quella di Matrogiacomo... Cento volte meglio i soldi. Anche se non mi pare si tratti di notizie ufficiali. Anzi se becchi una fonte attendibile, dammi il link che vado a dare un occhio. Ma per Agliana, Stefio e Cupertino non mi pare ci sia stato riscatto...

duhangst ha detto...

Hanno liberato cinque terroristi, che probabilmente torneranno in azione, il precedente governo a pagato dei soldi, secondo voi a che cosa sono serviti? Per comprarsi delle pizzette o fare colazione al bar la mattina.. Sono d'accordo non si dovrebbe trattare con queste persone!

Van der Blogger ha detto...

Esatto Duhangst, non ci si deve proprio trattare, esatto. Ma pagare con i soldi mi sembra il male minore... erano 5 comandanti, non 5 semplici soldati del terrorismo... E comunque già la linea di principio della trattativa è sbagliata...

fradalla ha detto...

Non c'entra niente col post, volevo solo dirti che Jaco Pastorius piace un sacco anche a me!!!
bye bye

Van der Blogger ha detto...

Fradalla, allora vuol dire che sei una buongustaia ;-D

missmidnight ha detto...

se gli serve la liberazione di qualche loro fratello, o magari un po' di soldi, o di avere più controllo su una zona del Paese, basta rapire un italiano

Eh, triste pensiero, ma decisamente reale.

Carmelo ha detto...

Credo che anche in passato si sia venuti a patti con i rapitori, ma stavolta la cassa di risonanza è stata decisamente diversa.
Troppa pubblicità che ci espone, purtroppo, ad ulteriori rapimenti.
E comunqui soldi o detenuti che siano, la sostanza non cambia.
E' stato un errore trattare.

Lizzy ha detto...

Per questo ti ho risposto nel mio blog a riguardo dell'inglese.
;D

Condivido: povera italia...e poveri noi...

Van der Blogger ha detto...

Già MissMidnight, ed è un rischio grande davvero. Specie ora, che si passa ad una fase combat...

Carmelo, una cortesia, potresti linkare qualche notizia circa il riscatto pagato in altre occasioni? Perchè anche io ricordo voci del genere però non ne sono sicuro... Comunque d'accordo sul fatto che non si debba trattare MAI con i terroristi...

Lizzy, effettivamente hai ragione...;-D

Hadamard ha detto...

A parte Jaco Pastorius, sulla cui grandezza non si discute bisognerebbe che ci sia finalmente un po' di franchezza da parte del governo.
Siamo in guerra. Ed è forse la terza volta che tutto il mondo è coinvolto. E la guerra fa vittime. Per quanto mi feliciti per la liberazione di Mastrogiacomo devo ammettere che è stato come scambiare un pedone per 5 alfieri, a scacchi.
Se i nostri rappresentanti sono così propensi a fare guerre (e a manifestare contro se stessi un giorno sì e l'altro pure) almeno che si impegnino per vincerle...

Van der Blogger ha detto...

Hadamard hai tristemente ragione... comunque il Governo riuscirebbe persino a dire che Jaco era uno scarso se la cosa gli provocasse un qualche beneficio :-D

Carmelo ha detto...

http://it.wikipedia.org/wiki/Ostaggi_italiani_in_Iraq#Polemiche_e_voci_su_un_riscatto

Leggi alla voce fonti, in basso.
Tutte indiscrezioni, niente di certo.
Comunque, il governo Berlusconi credo non abbia mai ammesso questa eventualità.
E ha fatto decisamente bene, almeno questo.

Van der Blogger ha detto...

Carmelo, su Wiki avevo letto. Ma come tu stesso dici, si tratta di voci...

Tra l'altro, casualità, le uniche fonti italiane citate sono Repubblica e il Corriere... Peraltro in versione online...

Comunque se ti capita (anche in futuro) di trovare qualcosa di concreto fammi sapere... sono molto interessato...

Ciao

Anonimo ha detto...

Attenzione, qui si sta parlando di vite umane!
Sono vite quelle che cengono perse sotto le bombe, sono vite quelle degli ostaggi, sono vite quelle che salgono sugli autobus e saltano per aria.
Non vorrei essere nei panni di chi decide sulla vita di alcuno, ma ritengo che scambiare vita per vita non sia così sbagliato, anche se questo sarà poi usato come strumento per i prossimi prigionieri.
Non ho una soluzione, una soluzione non c'è. Deve solo finire la guerra.
e... van... non so cosa tu pensi di g.strada e di emergency, ma per quello che mi riguarda... tanto di cappello per quello che fanno.
Ciao - pau

Van der Blogger ha detto...

Ciao Pau... ovvio che si parla di vite umane che hanno tutte lo stesso valore in termini assoluti. Però è pur vero che non si può e non si deve trattare con i terroristi. Chiunque si adoperi per il bene altrui ha il mio plauso, compreso Gino Strada... anche se non ho mai approfondito più di tanto il personaggio. Certo, fa pensare il fatto che i servizi vengono messi da parte in caso di sequestri internazionali...
Si deve sempre pensare al rapporto causa-effetto... Perchè la questione potrebbe diventare una vita contro decine di morti... E rimane il fatto, pesante come un macigno, che la nostra credibilità internazionale è prossima allo zero... Ciao :-)

FrAmélie ha detto...

Tatticamente parlando si è creato un precedente e questo non aiuterà di certo in futuro.Ma non credo che le precedenti liberazioni siano state poi così "pulite" e frutto di una vera diplomazia... soprattutto non sono state risolutive,nel senso che la gente ha continuatoa d essere rapità.In questi casi bisognerebbe creare più contatti possibili e attivare tutte le fonti. Quindi se emergency era una di queste, non ci vedo niente di male.

Van der Blogger ha detto...

Framelie, fino ad oggi non ho trovato prove certe di riscatto in altri casi... Creare contatti e fare liberazioni risolutive con i talebani è impossibile... La vedrei più semplice in Nigeria che non lì... Se comunque i contatti servono ad ottenere liberazioni senza pagare riscatto, che ben vengono ma ribadisco per l'ennesima volta che trattare è controproducente.

Ciao, e ripassa quando vuoi...

Rosario ha detto...

Ciao!
Guarda anch'io ho fatto un post su questo argomento ed in gran parte concordo con te.
Buona serata

Anonimo ha detto...

Fortuna che ho già avviato le pratiche per andare a vivere in Australia... e vi saluto...

MeloMoto

Anonimo ha detto...

Avrei un messaggio per tutti i politici italiani. Ma credo di non poterlo esprimere...

Peppe Galletta

Monica ha detto...

Van,
bersaglio colpito.

Gioia e felicità per la liberazione di Mastrogiacomo, ma crescente preoccupazione (la delusione ha già dato) per il nostro Paese, sempre più isolato nel contesto internazionale, sempre più privo di apparati di sicurezza, sempre meno credibile nel contrasto al terrorismo.

Un pluaso va a Emergency, anche se le sue condizioni poste per la liberazione dell'ostaggio non sono condivisibili, ma il placet concesso alla Ong dal nostro Governo lo trovo deprecabile.

Ciao

Van der Blogger ha detto...

Rosario, passo presto... grazie di essere passato. Torna quando vuoi.

Melo, un pò ti invidio... :D

Peppe, so bene cosa vorresti dire, meglio evitare :-D

Monica io credo che ormai tutto il mondo ci rida dietro. E' stato creato un precedente molto grave...

FrAmélie ha detto...

Ad ogni modo io per "trattare" non intendo accettare incondizionatamente tutte le richieste che si fanno...trattare secondo me è negoziare ed io credo che non sia del tutto inutile.
Ciao ciao

Van der Blogger ha detto...

Trattare implica sempre un do ut des, per quanto moderato. Qualsiasi vantaggio dato a questi criminali è controproducente... Ciao Framelie

Carmelo ha detto...

http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=49359

"Dal presidente della Commissione Esteri della Camera Gustavo Selva una prima mezza conferma del pagamento di un riscatto per la liberazione delle due giovani: la somma di un milione di dollari di cui hanno parlato alcuni giornali, ha detto Selva, "è probabilmente esatta"."

Gustavo Selva è di AN.
Anche se, come ti ho già scritto, è stato ritrattato.
Permane il dubbio che lo abbiano fatto, comunque.

camelot destra ideale ha detto...

Sono d'accordo su tutto, ovviamente.
Aggiungo due cose: innanzitutto se Carmelo si riferisce alle due Simona, il fatto è vero.
La vulgata vuole che Berlusconi, di tasca propria, abbia pagato NOVE MILIARDI DI VECCHIE LIRE per la loro liberazione!
Aggiungo anche, come è notorio, che la liberazione della Sgrena, invece, sia frutto dell'operato di Renato Farina, senza il quale - forse - la Sgrena non sarebbe in vita.
In ultimo, in tutta la vicenda, quello che fa stomacare è anche questo: negli anni del rapimento di Moro, Repubblica sosteneva la linea della fermezza "Non si tratta con le BR!".
Adesso, per motivi di conflitto d'interessi, evidentemente ha mutato parere: si tratta - e come! - con i terroristi! ;)

Van der Blogger ha detto...

Carmelo, dando per buona quella notizia, notereri che però Selva ammette a chiare lettere che è sbagliato trattare, seppure sembri confermare l'ipotesi ma è una cosa di cui di sicuro non va fiero...

Camelot come sappiamo, i nostri amici, in termini di coerenza non sono proprio il massimo. Cambiano idea da oggi a domani, figurarsi se non la cambiano in 30 anni. ;-D

statominimo ha detto...

Concordo con Camelot sul fatto che probabilmente durante gli anni di piombo, se non si fosse adottato il pugno di ferro, oggi ce li troveremmo ancora a spasso.

statominimo