martedì, marzo 28, 2006

Afghanistan, il convertito è stato liberato

"Abdur Rahman, l'afghano convertito al Cristianesimo e condannato a morte, è uscito di prigione. Lo ha detto il ministro della giustizia afghano, Sarwar Danish. Il rilascio è avvenuto grazie alle pressioni dell'Occidente sul governo di Kabul. Abdul Rahman, 40 anni, minacciato di morte per aver abbracciato il cristianesimo, ha chiesto asilo all'estero, secondo quanto riferito da una fonte Onu a Kabul."

Questa notizia lascia davvero l'amaro in bocca. Per più di un motivo. Il primo è evidente. Non è accettabile nel 2006, manco fossimo nel Medioevo o nella Roma antica, che una persona non possa essere libero di scegliere la propria fede, non accontentandosi di quella imposta dal Paese in cui nasce. E' davvero contro ogni principio di democrazia. E vi assicuro che per un caso, questo, che ha avuto rilevanza internazionale , ce ne sono tanti altri che sono sconosciuti.
Il governo Afghano, non potendo ritirare la sentenza di morte, ha dovuto mettere agli atti che Abdur Rahman, che non ha abiurato la propria fede in Cristo, è pazzo. Cioè, nonostante le pressioni internazionali, quest'uomo è costretto a vivere con la bollatura di pazzo. Inoltre si vede costretto a lasciare il proprio Paese e chiedere asilo. Richierebbe infatti il linciaggio dei suoi connazionali fanatici. A completare questa sconfitta della civiltà c'è il fatto che probabilmente quest'uomo non rivedrà mai più la sua famiglia.

Scegliere la propria fede, nel terzo millennio, in alcune parti del mondo, può voler dire anche questo.

4 commenti:

Chris ha detto...

non ho voluto dire nulla sul blog riguardo questa faccenda. La trova talmente anti democratica e così fuori da tutti quelli che sono i miei valori che personalmente non merita manzione.
Complimenti per il post.
Ciao

Van der Blogger ha detto...

Già, è totalmente fuori da ogni principio che regola la nostra vita. Però stavolta ho ritenuto giusto parlare di una tematica che comunque da cristiano mi sta a cuore, cioè la libertà religiosa. Sono abbonato ad una rivista che ne racconta di tutti i colori. Cose assurde che avvengono nei paesi a maggioranza islamica (è un dato di fatto), nei paesi comunisti o post-comunisti, in molti paesi dell'Africa, del Centro America e del Sud America.

red_fox ha detto...

... e il mondo non ne sa nulla

Van der Blogger ha detto...

Hai capito di che rivista parlo vero Red Fox? Certo che lo hai capito...